Riferimenti di legge - per la vendita immobili
289
page-template-default,page,page-id-289,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Riferimenti di legge

ESSERE ONESTI PAGA!

Art. 1490 codice civile – Garanzia per i vizi della cosa venduta.
​Il venditore e’ tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all’uso a cui e’ destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore. Il patto con cui si esclude o si limita la garanzia non ha effetto, se il venditore ha in mala fede taciuto al compratore i vizi della cosa.

Il vizio è una carenza materiale dell’immobile che non deve essere occultata, mascherata, ma segnalata alla committenza.

Art. 1497 codice civile – Mancanza di qualità 
Quando la cosa venduta non ha le qualità’ promesse ovvero quelle essenziali per l’uso a cui e’ destinata, il compratore ha diritto di ottenere la risoluzione del contratto secondo le disposizioni generali sulla risoluzione per inadempimento, purché’ il difetto di qualità’ ecceda i limiti di tolleranza stabiliti dagli usi. Tuttavia il diritto di ottenere la risoluzione e’ soggetto alla decadenza e alla prescrizione stabilite dall’art. 1495.