dOnia Prengemann - Chi sono
193
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-193,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

HOW DO YOU dO!

​Sono Donia Prengemann, ma puoi chiamarmi dO.                                                                                                                                                                                      

Sono nata in montagna e vivo in montagna, amo la montagna da tutta la vita. E le case…
Lavoro online (in tutto il mondo) e offline nella Val di Susa e nelle zone vicine.

Sono una bilancia, cittadina del mondo. Ho vissuto in diversi paesi e ho dovuto ogni volta imparare cose nuove per adattarmi.

Amo i colori – ma con misura – e poi la luce, gli spazi ampi che respirano, la montagna, la fotografia, il design e il minimalismo.  

Sono appassionata di grafica, web, pittura, architettura e arredamento – il primo corso di arredamento e il  primo tentativo di proporre l’home staging ad una agenzia immobiliare è stato nel lontano 2008, quando non sapevo ancora che nome avesse questo mestiere.
Ho avuto 10 vite lavorative, passando dall’ambito legale a quello dell’architettura e di consulenza IT, fino a trovare la mia strada.  

Mi sono avvicinata all’home staging tramite la fotografia. Dovendo fotografare spesso case, l’impulso di “spersonalizzare” e “ridurre” è stato naturale.
Ho sempre pensato che non esistono case brutte, ma semplicemente case presentate male.

Curiosa e avventuriera nelle intrecciate vie del web, ho continuato a formarmi attraverso corsi, seminari, webinar, intense serate di lettura, tisane di ​fotografia, arredamento, ​home staging & relooking, branding, design, visual & email ​marketing; argomenti che via via hanno iniziato ad appassionarmi.
L’home staging in montagna è quello che oggi propongo, in un contesto alpino e regionale che viene speso interpretato in modo errato ma nel quale, ritengo, bisogna tenere sempre conto dell’anno in quale ci troviamo, della storia e dell’autentica architettura del territorio. Per non dimenticare che una casa in città e una casa in montagna hanno caratteristiche diverse. 

Se dovessi descrivere con 5 parole l’Home Staging sceglierei: Armonia, Empatia, ESSENZA, Ascolto e Dettaglio.”

COS'È L'HOME STAGER?

L’home Staging non è un mestiere inventato. 

 

L’Home Stager (oppure consulente d’immagine immobiliare – come provo spiegarlo io) è un professionista che ha seguito un percorso di formazione.

Al contrario di un architetto/interior designer/arredatore, l’home stager interviene non per personalizzare una casa in base ai gusti del proprietario, ma per spersonalizzarla, per renderla adatta ad una clientela più ampia.

 

 

L’Home Stager ha l’obbligo di formazione continua attraverso differenti modalità (eventi e seminari, e-learning, corsi convenzionati, ecc.), deve rispettare lo statuto della propria associazione professionisti (che vigila sulla condotta professionale degli associati e ha stabilito le sanzioni disciplinari da irrogare agli associati per le violazioni del medesimo codice) e il codice deontologico e di condotta, codice etico, che garantisce la trasparenza delle attività.
Le prestazioni per il cliente vengono stabilite tramite un contratto che tutela entrambe le parti.

 

Ai sensi del comma 4 dell’art. 2 della legge 4/2013 è stato attivato lo sportello di riferimento per il cittadino consumatore,  presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’art. 27 -ter del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, nonché ottenere informazioni relative all’attività professionale in generale e agli standard qualitativi da esse richiesti agli iscritti.

COSA NON SONO E COSA NON FACCIO

Non sono un agente immobiliare e non dipendo da nessuna agenzia. 
​Non sono un impresa di ristrutturazioni, ma ne conosco diverse.
​Non sono un artigiano, ma ne conosco diversi.

COME LAVORO

Dedico 100% di me ad ogni progetto. 

 

GLI STEP

Scrivimi spiegandomi di cosa hai bisogno.

Step 1
– Stabiliamo un appuntamento per il sopralluogo oppure per la consulenza online.
Step 2
– Valuto lo stato dell’immobile/il lavoro da fare.

Step 3
– Ricevi il preventivo gratuito /mail di conferma con le informazioni per il pagamento
Step 4
– Accetti e saldi il preventivo oppure l’acconto pattuito
(tramite bonifico, o direttamente con Paypal) – Per Paypal verificare le condizioni di pagamento sul loro sito.
Step 5
– Viene eseguito l’intervento/il servizio fotografico o effettuata la consulenza
Step 6
– Per l’intervento di Home Staging dopo la vendita/affitto viene eseguito il disallestimento
Step 7
Consegna materiale

 

 

 

​Collaboro con professionisti & artigiani dei vari settori per fornire un prodotto di qualità.

DECALOGO (la mia guida)

Senza fiducia non si fa niente.

 

  • Dare aiuto – immediato e semplice
  • Cercare l’armonia come piacevole accordo tra parti/elementi
  • Ascoltare è – credere nelle relazioni
  • Dall’equilibrio nasce tutto
  • Abbi pazienza – se non è oggi, sarà domani
  • La bellezza della semplicità è nell’essenziale, nella modestia, naturalezza e nella visione d’insieme
  • La passione è visionaria.
  • Precisione vuol dire rispetto dell’ordine e dell’esattezza
  • “La creatività è importante quanto l’alfabetizzazione.” (Ken Robinson)
  • Serietà è responsabilità verso te stesso/a
  • “Imparare è come remare controcorrente: se smetti, torni indietro.” (Proverbio cinese)

Minimal

Amo il minimalismo, l’eleganza e la semplicità, la pulizia dell’immagine. Applico tutto ciò al marketing immobiliare per la vendita/affitto. ​

Per catturare l’attenzione, il messaggio deve essere esposto con chiarezza.

 

Il Minimalismo é definito come il concetto di ridurre al minimo le distrazioni da ciò che é veramente prezioso o essenziale . Come risultato, “un lavoro minimalista offre una vista sulla – e solleva interrogativi – vera natura del soggetto o dell’oggetto.” — Maarten P. Kappert, designer

 

Il processo creativo nel minimalismo é molto complesso: semplice non vuol dire minimalista.
Il minimalismo non é per tutti e non é da tutti, ma le sue potenzialità possono dar vita a risultati di grande effetto.
La capacita’ di sintesi visuale rappresenta la più’ chiara e veloce forma comunicativa.
Nel web design il minimalismo è associato sì all’estetica, ma soprattutto alla semplicità d’uso e alle funzioni. E per le case? Anche per le case “LESS IS MORE!”

 

La differenza tra un progetto minimal e uno non minimal è tra il ridurre e l’inserire.

  1. ​​Oggetto: Qual è lo scopo ?
  2. Usabilità: Quali elementi se eliminati, migliorano o peggiorano l’immagine/la chiarezza del messaggio nell’immagine?
  3. Equilibrio: Creare una chiara gerarchia visiva

 

Ricordando che:

  1. L’usabilità non è un’opzione
  2. Minimal non significa per forza bianco e nero
  3. Lo spazio bianco è fondamentale, e per spazio bianco non si intende qualcosa di colore bianco
  4. I dettagli sono importanti,
  5. Lo spazio negativo (spazio bianco) è l’area che circonda il soggetto principale nell’immagine (il soggetto principale è conosciuto come “spazio positivo”).
    Lo spazio negativo definisce e sottolinea il soggetto principale di un immagine/testo, muovendo l’occhio dell’osservatore verso di esso. Lo spazio negativo fornisce inoltre una zona di “respiro” permettendo all’osservatore di concentrarsi maggiormente sul soggetto,

​​

“Semplicità volontaria. – una concezione di vita dove si tende a possedere, a volere e fare solo quello che davvero è necessario, pertanto essenziale.

 

Al contrario di come la società concepisce il concetto di minimalismo, come stile di vita, dall’esterno, non si tratta solo di non possedere niente e quindi vivere in uno spazio vuoto o sterile e possedere un numero predefinito di oggetti. Lo stile di vita, si ispira a ciò da cui l’arte stessa ha preso spunti, ovvero la filosofia zen giapponese e dunque comprende non solo lo spazio fisico, ma anche mentale.

 

È un modo per evadere agli eccessi del mondo che ci circonda — gli eccessi del consumismo, del materiale che si possiede, del disordine, dell’avere troppe cose futili che portano alla confusione. Quindi è sottinteso che dia un senso di libertà sia a livello fisico (per l’assenza di oggetti fisici, che potrebbero rendere l’ambiente in cui ci si trova opprimente) che mentale (praticando, ad esempio, la meditazione).​

Questo stile di vita permette di concentrare le proprie forze e la propria mente sulle cose più umili ed accessibili all’umano, cose che danno senso e valore alla vita.” (Wikipedia)

 

 

a

Sono membro Associazione Professionisti Home Staging Italia, IAHSP® International, e Board Member, Operations Manager  & Web Consultant IAHSP® Europe.

L’Associazione Professionisti Home Staging Italia, è  l’unica realtà italiana riconosciuta da IAHSP®  The International Association of Home Staging Professionals® e da Barb Schwarz – The Creator of Home Staging®.
L’Associazione ha seguito gli adempimenti richiesti dal ministero dello sviluppo economico in conformità con la legge 4 del 2013 ed è oggi inserita nell’elenco delle associazioni professionali che rilasciano l’attestato di qualità dei servizi.